L’importanza dell’Insonorizzazione negli Impianti Offshore

Come e perché considerare la riduzione del rumore come essenziale nelle operazioni sulla piattaforme offshore. Rischi, regole e due diligence per la sicurezza dei lavoratori dell’Oil & Gas.

 

Uno dei problemi più difficili dell’industria Oil & Gas è preservare una condizione di lavoro per gli operatori con un inquinamento acustico accettabile.

Come riportato da Offshore Europe Journal…i lavoratori offshore sono esposti quotidianamente a elicotteri, turbine e diversi rumori meccanici per un lungo periodo di tempo. E nonostante le rigide norme che impongono l’uso della protezione dell’udito, la perdita dell’udito causata dal rumore coinvolge 600 casi all’anno”.

I ricercatori del Health and Safety Executive (HSE) stimano che oltre il 30% dei lavoratori nel settore offshore siano esposti a livelli di rumore superiori al limite massimo. Mentre è previsto che 120 milioni di persone in tutto il mondo abbiano difficoltà uditive disabilitanti. Ad esempio, i nuovi field – spesso dislocati in acque più profonde – spesso richiedono apparecchiature funzionanti a pressioni e temperature più elevate, creando condizioni ancora più difficili e rumorose entro cui operare.

 

L’impatto del rumore sugli operatori offshore

L’esposizione prolungata a livelli eccessivi di rumore creapotenzialmente una vasta gamma di impatti sulla salute a lungo termine dei lavoratori. Tra questi: perdita dell’udito permanente,  malattie cardiovascolari, disturbi del sonno, stress, problemi cerebrali e di salute mentale.

Anche gli effetti per le imprese non dovrebbero essere sottovalutati, dal momento che il requisito di limitare i livelli di rumore porta spesso a livelli di produttività inferiori, con la necessità di aumentare il personale o ridurre le ore di funzionamento. In un momento in cui l’industria petrolifera e del gas offshore sta cercando di accedere a field più complessi, le sfide restano significative e le opportunità per migliorare la salute del personale e la produttività aziendale complessiva sempre maggiori.

 

Come le leggi sull’inquinamento acustico sono evolute

I cambiamenti normativi stanno inoltre aiutando l’industria a compiere passi significativi verso pratiche più sicure. Gli elementi fondamentali della legislazione applicabile al conentimento del rumore all’interno degli impianti offshore nel Regno Unito sono stati regolamentati nel 2005 grazie a una direttiva UE 2003/10 / CE), assieme alla pubblicazione HSE OTR2001 / 068, che delinea le raccomandazioni tecniche secondo cui rumore e vibrazioni dovrebbero essere presi in considerazione nella progettazione di piattaforme offshore. I limiti di esposizione all’interno del settore norvegese, ad esempio, sono in linea con la legislazione dell’UE e NORSOK S002, che stabilisce standard simili a OTR 2001/068 per le aree di vita e di lavoro.

Il controllo del rumore – come riportato nel Regolamento del lavoro 2005 – ha ridotto i livelli di azione superiore e inferiore di 5 dB da 90 e 85 dB (A) nella direttiva precedente a 85 e 80 dB (A) e introdotto un nuovo limite di esposizione di 87 dB (A).

Altrettanto fondamentale: le ultime normative si allontanano da un focus della precedente legislazione su valutazione e quantificazione dei livelli di esposizione, e della conseguente protezione dell’udito, favorendo su una filosofia di controllo del rumore alla fonte, ove possibile.

Nell’ambito del settore offshore, il passaggio ad accedere a campi più profondi, insieme a pompe a prossimità, compressori, valvole e condutture e strumenti a mano rumorosi su una singola piattaforma con vincoli di spazio, significa che sono necessarie competenze specifiche per diagnosticare e trattare con precisione il rumore della piattaforma.

 

Cabinati acustici per le applicazioni offshore

A causa della crescente domanda di prestazioni più elevate dei macchinari, i produttori offshore stanno cercando sempre le opzioni di contenimento acustico orientate a mitigare il rischio di rumore e risparmiare spazio, allo stesso tempo.

Stopson Italiana può contare su oltre 50 anni di esperienza ed una serie di soluzioni che vanno dalle coperture acustiche, ai cabinati, fino alle barriere. Tutte soluzioni completamente integrabili e progettate per essere accessibili dal personale per scopi di manutenzione delle attrezzature.

In linea con le specifiche, le opzioni di contenimento comprendono sistemi di ventilazione e filtrazione conformi alle aree pericolose, illuminazione standard e di emergenza. Possono essere equipaggiate con dispositivi elettrici completi e dotate di scatole di giunzione montate internamente o esternamente, nonché sistemi di rilevamento e soppressione di eventuali incendi da gas o idrocarburi.

Con l’accrescimento degli standard su salute e sicurezza all’interno dell’industria offshore, il requisito per le compagnie petrolifere di essere conformi alle soluzioni di controllo del rumore non è mai stato più centrale. Inoltre, la recentemente modificata legislatura rafforza l’accento sull’assicurare il benessere dei dipendenti, prima di tutto.

Enel Green Power insonorizza il Gruppo di Generazione n°3 della centrale idroelettrica di Bordogna (BG) con i cabinati Stopson italiana

Inclusi nella fornitura i rilievi ante-operam, la progettazione, la costruzione, l’installazione e le misure fonometriche di una cabina acustica per la storica centrale a Moio de Calvi in val Brembana.

 

Ultimato recentemente l’intervento di insonorizzazione consistente in una cabina acustica per la Centrale Idroelettrica Enel Green Power di Bordogna (BG).
Il cabinato è stato progettato per essere installato all’interno della bellissima centrale costruita nel 1932 che, sfruttando un salto utile di 546,55 mt ed una portata massima derivabile di 12 mq/sec attraverso due condotte forzate che alimentano 3 turbine idrauliche Pelton, è in grado di fornire una potenza efficiente di circa 47.000 KW.

Cabinato acustico, Centrale idroelettrica di Bordogna

Di dimensioni 11.6 x 11.1 x 3.8 m, la struttura è stata resa accessibile e completamente smontabile a mezzo di carro ponte nella sua parte superiore, al fine di rendere agevole la gestione dei componenti della turbina.

L’uscita dell’aria dall’impianto è stata progettata attraverso un elettroventilatore, che accoppiato ad un silenziatore, espelle aria all’esterno della centrale attraverso una apertura posta sulla finestra della centrale.

Il cabinato insonorizzante è stato progettato per garantire un livello di pressione sonora medio residuo di 78 dB(A), misurato a 1 mt dal cabinato ed a 1,7 mt dal pavimento.

Le cabine acustiche Stopson Italiana sono modellate attorno ad ogni tipo di apparecchiatura rumorosa, interna o esterna, su skid e a terra. Sono progettate per fornire un’ottima attenuazione delle emissioni sonore in qualsiasi ambiente critico. La realizzazione avviene in pannelli acustici modulari e rivestimenti per isolamento acustico, garantendo nel contempo la manutenzione dell’apparecchiatura, la ventilazione, la protezione dalle intemperie e la sicurezza antincendio.

 

Le applicazioni tipiche delle cabine acustiche sono:

  • Sistemi di produzione di energia, tra cui turbine a gas turbine a vapore, caldaie industriali e a recupero tradizionali, generatori diesel;
  • Impianti di cogenerazione (CHP);
  • Reti e impianti di compressione del gas naturale;
  • Industria manifatturiera e di processo: ad esempio industria automobilistica, industrie cartiere, tipografie, ecc.

 

Maggiori informazioni sui cabinati acustici Stopson Italiana qui.

Riduzione del rumore e insonorizzazione degli impianti energetici

Impianti di generazione di energia ed insonorizzazione – una breve introduzione

Nel corso degli anni, c’è stato un generale aumento nell’uso di centrali elettriche, da piccoli impianti di generazione di proprietà di privati ​​a grandi impianti di produzione di energia industriale. Questo aumento può essere attribuito alle tendenze di sviluppo che sembrano attualmente prendere il sopravvento sul fronte globale.

Con questi cambiamenti per quanto riguarda la necessità di maggiore potenza, vi è il problema prevalente dell’inquinamento acustico da parte degli impianti di produzione di energia che è stato sempre presente, ma sta diventando gradualmente un punto di preoccupazione per le comunità e le persone che subiscono gli effetti dell’inquinamento acustico, in particolare quelli che emanano dagli impianti di generazione di energia.

Mentre innovazioni come l’insonorizzazione industriale e i silenziatori industriali hanno contribuito a ridurre alcuni dei problemi associati all’inquinamento acustico causato dagli impianti di produzione di energia elettrica, molti altri fattori continuano ad alimentare “strozzature” al fine di promuovere una campagna efficace contro l’inquinamento acustico. Alcuni di questi fattori includono:

  • Mancanza di scalabilità delle centrali elettriche
  • Insufficienze nella progettazione di centrali elettriche
  • Sfide con la gestione del calore nelle centrali elettriche grazie ai materiali insonorizzanti

 

Perché la riduzione del rumore è importante

La riduzione del rumore nelle centrali elettriche è di massima importanza, in gran parte a causa delle problematiche legate all’inquinamento acustico persistente, ed in particolare per quanto riguarda la salute.
Le fonti di rumore più comuni includono:

  • Compressori
  • Turbina
  • Ventola aspirazione e scarico (ventilatori PA, ID, FD)
  • Generatori
  • Tubazioni e condotti
  • Scarico a vapore
  • Motori
  • Soffiatori centrifughi

 

La riduzione del rumore nelle centrali elettriche è di fondamentale importanza in quanto i dipendenti sono esposti a problemi di salute che potrebbero non manifestarsi immediatamente.

Alcuni di questi problemi includono:

  • cambiamento neuro-comportamentale
  • stress psicologico
  • infelicità
  • ridotta intelligibilità del parlato
  • perdita dell’udito permanente

Questi fattori possono anche influenzare coloro che possono essere direttamente interessati dal rumore degli impianti di generazione di energia.

 

Quando la riduzione del rumore nelle industrie è fondamentale (limiti e tolleranza)

Secondo l’OSHA per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro, le soglie o il limite di esposizione consentito per l’esposizione al rumore sono fissate a 90 dB nel corso di 8 ore.

Per comprendere appieno cosa sia 90 Dba, un bisbiglio forse tra due amici è di circa 30 dBA. Una conversazione regolare tra due parti è impostata a circa 60 dBA mentre una falciatrice funziona a 80 dBA.

In base agli standard OSHA, un aumento del livello di rumore di 5 Dba si traduce in un periodo di esposizione della metà del tempo. Ciò implica che un lavoratore esposto a 95 dBA dovrebbe lavorare solo per quattro ore in tali condizioni.

Di seguito è riportata una tabella per garantire una migliore comprensione:

Fonte: https://www.healthlinkbc.ca/health-topics/tf4173

 

Cosa dicono gli standard internazionali

Un certo numero di organizzazioni per la salute e la sicurezza di tutto il mondo hanno fissato alcune soglie, per lo più entro i limiti sopra menzionati. Alcune di queste organizzazioni includono l’ISO, ANSI ad e WHO, per citarne solo alcuni.

 

Quali soluzioni sono implementabili

Grazie ai progressi tecnologici, ci sono soluzioni tecnologicamente avanzate per il contenimento del rumore negli impianti energetici. La più comune di queste soluzioni, in particolare per privati ​​e proprietari di piccole imprese, sono i silenziatori industriali e l’insonorizzazione industriale. Alcune altre soluzioni includono:

Silenziatori per condotti – Questi componenti offrono un livello incredibilmente elevato di riduzione del suono nelle applicazioni del flusso d’aria. Viene applicato principalmente in pile, ventole di identificazione più grandi, ventilazione dell’edificio e tante altre applicazioni.

Silenziatori di scarico motore – Mentre questi condividono un concetto simile ai silenziatori di condotta sopra, la sua modalità di funzionamento differisce in quanto garantisce la riduzione del rumore negli impianti energetici in quanto i silenziatori sono applicati a motori o tubazioni dell’aria compressa all’interno del sistema nel tentativo di eliminare il rumore di scarico . Alcune delle applicazioni più comuni di silenziatori includono soffiatori, compressori e generatori.

Persiane acustiche – A causa delle difficoltà associate a progetti obsoleti di alcuni impianti energetici ed alla necessità di installare un sistema insonorizzante che non innalzi la temperatura, le persiane acustiche offrono una riduzione del suono con una limitazione  minima del flusso d’aria, all’interno delle centrali elettriche. Per la maggior parte, le alette acustiche vengono utilizzate al posto delle alette standard per un alto livello di riduzione del rumore, pur mantenendo l’efficace ventilazione del sistema.

Copertura isolante per Tubazioni – Si riferisce all’eliminazione del rumore generato da tubazioni e condutture. Quindi, la tubazione o la canalizzazione è avvolta ordinatamente con un composito assorbente, in modo da creare una barriera che mantiene il rumore entro soglie di sicurezza.

Barriere Acustiche – Le barriere antirumore sono probabilmente le soluzioni più efficaci per il controllo del rumore negli impianti di generazione di energia, in particolare quelle riguardanti i nuovi progetti. Con le protezioni date da barriere acustiche, l’impianto di generazione di energia è semplicemente racchiuso, mentre l’accesso per la dissipazione del calore e la manutenzione sono resi disponibili attraverso aperture studiate caso per caso. Gli armadi acustici sono particolarmente efficaci in impianti di soffiaggio, pompe o altre apparecchiature che generano livelli elevati di rumore.

Pannelli Fonoassorbenti – I pannelli di assorbimento fungono da forma attiva di riduzione del rumore negli impianti energetici. Nella maggior parte dei casi, questi pannelli sono disponibili come funzionalità aggiuntiva per la generazione di serie, in particolare per i set basati sull’industria. Normalmente è installato su entrambi i lati della parete della centrale elettrica in un tentativo di mitigare gli effetti del rumore dalla stessa.

 

Tutto sommato, la necessità di armonizzare i livelli di generazione del rumore derivanti dall’incremento della produzione di energia non può essere sottovalutata. Da qui è auspicabile per il prossimo futuro la necessità di un approccio collaborativo e condiviso tra tutti gli attori della filiera, in modo da garantire la corretta emissione del rumore sotto gli standard consentiti, in particolare nelle centrali energetiche.

 

Silenziatori Blow-Off e di Sfiato installati con successo in una industria cartiera riconvertita nel Nord Italia

Le soluzioni di Stopson Italiana insonorizzano una storica industria cartiera del Mantovano.

Oltre ai settori Power Generation ed Oil & Gas, le soluzioni di insonorizzazione di Stopson Italiana abbracciano il settore manifatturiero nel suo complesso.
Uno degli ultimi progetti degni di rilievo riguarda l’insonorizzazione della ex-cartiera – recentemente convertita – a Mantova, eseguita con due tipi di silenziatori: Blow-Off e Steam Vent (silenziatori di sfiato acustico).

Il tipo Blow-Off è un tipico silenziatore di espansione e assorbimento, che viene utilizzato prima dell’avviamento del sistema.
L’uso principale è quello di pulire le tubazioni, rimuovendo eventuali corpi solidi residuali, dopo la sua installazione (bulloneria, guarnizioni, ecc). L’espansore è normalmente posizionato lateralmente al corpo del silenziatore ed è costruito con grossi spessori. Consiste in un tubo con estremità chiusa con un certo numero di fori, per consentire una corretta espansione del fluido e di eventuali detriti che passano attraverso i fori, senza provocare danni allo stesso tempo.

Il silenziatore – che ha una dimensione di Ø 2500 mm x H 7000 mm – è stato realizzato per raggiungere un livello di pressione sonora di 100 dB (A) a 20 m, con una portata massima di 135 T / ha 330 ° C.

Grazie alle sue capacità, le applicazioni tipiche riguardano i processi di soffiatura e pulizia dei tubi, nonché la sopportazione di enormi flussi d’acqua.

Il secondo silenziatore – realizzato in collaborazione con il nostro partner Tecnoterm Energy S.r.l. – ha compreso la progettazione, la produzione e l’installazione di un Silenziatore di Sfiato Acustico (modello SPM).
La tipologia scelta è stata specifica per ridurre le emissioni sonore generate dai gruppi di valvole di media e bassa pressione.
Prodotto con una dimensione di Ø 2200 mm x H 2900 mm, il silenziatore garantisce un livello di rumorosità residua di 85 dB (A) a 1 m, con un’attenuazione acustica di 50 dB (A). La consegna prevista è per la fine di gennaio.

  • Condizioni di scarico: Portata massima 135 T / ha 160 ° C per bassa pressione; 430 ° C per media pressione.

Le applicazioni tipiche di questo tipo di silenziatore riguardano fabbriche manifatturiere e gli impianti di cogenerazione.

 

La nostra offerta per le applicazioni nell’industria cartiera

Stopson Italiana ha una vasta gamma di prodotti per le cartiere, tra cui Filtrazione dell’aria, Silenziatori per condotti, Barriere di contenimento, Barriere acustiche, Silenziatori di sfiato.
I nostri silenziatori di sfiato sono progettati per ridurre il livello di rumore delle tubazioni di scarico nell’atmosfera per fluidi gassosi pressurizzati, quali aria, vapore, gas naturale, azoto, ossigeno, anidride carbonica, ecc. Possono essere installati a valle di qualsiasi dispositivo che funge da collegamento tra un contenitore di fluido gassoso pressurizzato, e l’atmosfera. Il silenziatore di sfiato può anche fornire uno sfiato per regolare l’alta o bassa pressione, in modo da garantire il corretto funzionamento del sistema.
I silenziatori di sfiato possono essere reattivi, assorbenti o combinati a seconda delle applicazioni e dell’attenuazione richiesta, che può raggiungere anche i 75 dB (A).

Typical Applications for vent silencers are:

  • Valvole di Sicurezza (PSV)
  • Valvola di Sfiato (PRV)
  • Valvola di Controllo
  • Espulsore
  • Valvole di Avviamento
  • Valvole a Sbuffo (“Snort Valve”)
  • Serbatoi di evaporazione
  • Sistemi Blow-off

L’offerta di Stopson Italiana per la pulizia degli impianti Blow-off include anche servizi e materiali aggiuntivi, come qui descritto:

  • Ingegneria
  • Flangia di soffiaggio a vapore
  • Flange per occhiali con guarnizioni
  • Pompe ad acqua Demi
  • Valvole a saracinesca e globo
  • Termocoppie
  • Trasmettitori di temperatura e pressione
  • Inseritori per piastre target
  • Installazione
  • Supervisione Blow-off

Servizi Blow-Off e insonorizzazione per 2 impianti in Egitto

Equipaggiamento Blow-off, inclusi Silenziatori e servizi di Supervisione a supporto degli impianti a ciclo combinato New Assiut e West Damietta

Stopson Italiana ha completato con successo la fornitura di silenziatori di scarico e attrezzature per la pulizia, comprese pompe, valvole, flange, strumentazione, sistema di piastre pneumatiche e servizi di supervisione per le operazioni di soffiatura di due impianti CCPP eseguiti in parallelo.

I silenziatori con capacità 230 t/h sono dotati di diffusore di pressione a 16 bara in un involucro in acciaio al carbonio di 6 metri di altezza con diametro di 2,5 metri, in grado di raggiungere un livello di pressione sonora residuo di 90 dB(A) a 3 m dall’apparecchiatura.
I silenziatori blow-off di Stopson Italiana si basano su un principio combinato reattivo e assorbente per la riduzione del rumore: i gas si espandono alla pressione atmosferica attraverso un diffusore forato orizzontale (a fori grandi), fornendo un primo passo nell’attenuazione e lasciando defluire eventuali detriti. Quindi si evolve in una sezione di rivestimento fonoassorbente per contribuire ulteriormente a raggiungere il livello residuo di rumore richiesto.

L’impianto 1 GW New Assiut e l’impianto West Damietta da 500 MW hanno di recente affrontato un sostanziale aggiornamento con l’aggiunta di moduli di turbine a vapore che recuperano il calore dalle turbine a gas esistenti. Questa aggiunta di 750 MW sui due impianti porterà la capacità totale a 2,25 GW, contribuendo ulteriormente a soddisfare la crescente domanda di energia nel paese.

 

L’offerta di Stopson Italiana per la pulizia degli impianti Blow-off include una vasta gamma di prodotti e servizi:

  • Ingegneria per Blow-off
    Silenziatori Blow
    Flangia di soffiatura a vapore
    Flange per occhiali con guarnizioni
    Pompe ad acqua Demineralizzata
    Valvole a saracinesca e globo
    Termocoppie
    Trasmettitori di temperatura e pressione
    Inserimenti per piastre target
    Installazione
    Supervisione Blow-off

Stopson Italiana presente al Gastech 2018 di Barcellona

Con oltre 50 anni di attività nell’insonorizzazione industriale, Stopson Italiana porterà la sua expertise maturata in 20.000 progetti in tutto il mondo, molti dei quali realizzati nel settore Oil & Gas.

L’azienda milanese presenterà le caratteristiche tecnologiche dei suoi prodotti di insonorizzazione – come Silenziatori a Sfiato, Silenziatori di Scarico motore, Silenziatori in linea e molti altri, nella conferenza ed esposizione leader a livello mondiale per l’industria europea della produzione di energia.
Per tutti coloro che parteciperanno, Stopson Italiana metterà a disposizione la propria esperienza tecnica per supportare qualsiasi esigenza esigente per sviluppare nuove soluzioni di insonorizzazione e riduzione del rumore nell’industria del gas.

Per oltre 45 anni, Gastech Exhibition and Conference è state all’avanguardia nel mercato internazionale del gas, del GNL e dell’energia. Questo evento di fama mondiale è considerato il luogo di incontro più significativo per i professionisti del gas upstream, midstream e downstream e LNG..

 Visitateci al Gastech Barcelona, Spanish Pavillon – Stand G160!

 CLICCATE QUI
PER SCARICARE IL VOSTRO FREE PASS!

Gastech si è rapidamente trasformato in un evento energetico di nuova generazione, ospitando importanti NOC, IOC, società energetiche integrate, utility globali, appaltatori EPC, costruttori navali, società di condutture, produttori, fornitori di tecnologia e società di servizi che svolgono tutti un ruolo attivo nel valore energetico globale catena. Gastech è stato in prima linea nel settore del gas e del GNL da oltre quarant’anni e ogni edizione è supportata da un partner ospitante dal 2002.

Con oltre 3.500 delegati  internazionali, 350 relatori (per quanto riguarda upstream, midstream e downstream), l’evento comprende anche una conferenza che con una plenary session, una conferenza strategica ed una tecnica, oltre a quattro Conferenze specialistiche.

La conferenza di quattro giorni di Gastech è considerata la piattaforma più importante del settore per discutere riguardo le problematiche e le sfide globali che si presentano alla comunità del gas e del GNL nel 2018 e oltre. Il programma prevede sessioni ministeriali, sessioni di panel di CEO e sessioni commerciali, insieme alla più grande conferenza tecnica del mondo.

 

Gastech 2018 si svolgerà a Barcellona (Fira Gran Via), dal 17 al 20 Settembre, e Stopson Italiana esibirà nello Spanish Pavillon – Stand G160.

Stopson Italiana espone a Electrify Europe 2018 a Vienna

Stopson Italiana presenta i suoi prodotti di insonorizzazione alla conferenza e fiera leader a livello mondiale nel settore Power Generation

Nel suo anno inaugurale come Electrify Europe (in precedenza “Power Gen”), l’evento sarà dedicato alla convergenza in atto tra la generazione di energia e i settori della trasmissione e della distribuzione, guidati dalla digitalizzazione, decarbonizzazione, decentramento ed elettrificazione.
Per tutti coloro che parteciperanno, Stopson Italiana metterà a disposizione la propria esperienza tecnica per supportare qualsiasi esigenza esigente per sviluppare nuove soluzioni di insonorizzazione e abbattimento del rumore nell’industria dell’energia.

Visita il nostro stand a EE2018, Italian Pavilion – Hall A Booth R52

CLICCA QUI ⇦
E SCARICA IL TUO FREE PASS!

Con l’obiettivo di attrarre oltre 11.000 delegati e partecipanti provenienti da oltre 85 paesi, Electrify Europe rappresenta la principale conferenza e fiera del settore dedicata alla generazione di energia, alle energie rinnovabili e alternative e alle industrie di trasmissione e distribuzione. In questo anno di rebranding, la fiera ha esteso il suo programma di conferenze, incluse le sessioni principali e plenarie che affronteranno le questioni chiave che interessano il settore. Tra questi: E-mobility, Cybersecurity, AI, Blockchain, Demand Side Response e Energy Storage. Leggi il programma completo qui.

Quest’anno, Electrify Europe affronterà i seguenti argomenti:

  • Trasformare l’economia attorno al Power Gen
  • I progressi nella tecnologia relativa alla generazione di energia
  • Operazioni e manutenzione in un’era digitale
  • Sostenibilità e protezione ambientale
  • Stoccaggio dell’energia e mobilità elettronica
  • Infrastruttura intelligente e sicurezza informatica
  • Responsabilizzare il cliente
  • Energia e sistemi distribuiti
Dal 1965 Stopson Italiana è stata considerata uno dei maggiori provider di soluzioni di insonorizzazione come silenziatori, cabinati e barriere, dispositivi di ventilazione per qualsiasi applicazione industriale.


Electrify Europe si svolgerà in 3 giorni da martedì 19 giugno a giovedì 21 giugno 2018 a Vienna.  Stopson Italiana sarà presente al Padiglione A – Stand R52 (‘Italian Pavilion’)

Silenziatori a Sfiato

Produzione di silenziatori industriali: tutto quello che c’è da sapere

Quali sono gli step necessari per insonorizzare in modo adeguato un impianto di produzione

Alcune nozioni di base sul rumore

Il rumore è comunemente definito come suono indesiderato. Tre fattori fondamentali devono essere analizzati quando si inizia un processo di abbattimento acustico: individuazione della sorgente del rumore (motori, impianti di ventilazione, pompe, ecc.), il cosiddetto soggetto ricevitore (persone esposte alle onde acustiche), e il percorso (il percorso che il rumore compie tra la sorgente e il ricevitore all’interno o all’esterno).

La propagazione del rumore può essere classificata in due diverse forme: aerea e strutturale.

La prima passa da una sorgente ad un ricevitore sotto forma di differenziale nella pressione atmosferica, viaggiando in tutte le direzioni. Quella strutturale è invece la vibrazione che viene trasmessa da una sorgente vibrante a un ricevitore, attraverso un materiale solido e – da lì – emanata come rumore aereo. Una volta identificati i tre elementi principali (sorgente, percorso e ricevitore), è possibile adottare 4 modi per controllare e contenere il rumore: assorbimento, barriere acustiche (blocco), smorzamento e isolamento delle vibrazioni.

La fonte maggiore di emissione di rumore deriva dalla mancanza di una corretta manutenzione degli impianti. Tipici sprechi energetici e “produttori” di rumore sono:

  • Perdite di vapore
  • Cuscinetti o ingranaggi usurati
  • Meccanismi non allineate correttamente
  • Parti rotanti non bilanciate
  • Ricambio di parti in movimento
  • Parti meccaniche non lubrificate adeguatamente
  • Contatti tra parti mobili e fisse
  • Perdite d’aria compressa
  • Vibrazioni di lamiere
  • Collegamenti o camme registrati in modo sbagliato

Come scegliere il fornitore di Silenziatori a Sfiato più appropriato

Iniziamo con un quesito: quali sono i dati più rilevanti da considerare al fine di identificare i ruoli corretti all’interno della catena di fornitura dei produttori acustici? Rispondere adeguatamente a questa domanda significa comprendere tutti i fattori coinvolti. E quindi semplificare la scelta del silenziatore di sfiato più adatto all’applicazione richiesta. Ma come primo elemento, è importante introdurre i silenziatori di sfiato e di scarico motore, rivedendo i fattori coinvolti nella previsione del rumore generato dalle bocchette di alta pressione.

Qui sotto un elenco delle applicazioni di sfiato che richiedono silenziatori:

  • Scarico del vapore nelle applicazioni di generazione di energia
  • Controllo di processo e valvole di sicurezza in applicazioni industriali
  • Soffiature di condotte e stazione di compressione di gas naturale
  • Serbatoi di abbattimento e autoclavi
  • Valvole di bypass su soffiatori e compressori
  • Scarico di gas ad alta pressione in ambienti a pressione sostanzialmente ridotta (atmosfera).
  • Espulsori di vapore e prese d’aria

 

I termini “silenziatore di sfiato” e “silenziatore di scarico” si riferiscono alla relativa applicazione per cui viene utilizzato ciascuno. Per entrambi il design è simile; ci riferiamo ai silenziatori di sfiato quando l’utilizzo consiste nello sfiatare a una portata costante, per un certo periodo di tempo. La semplice parola silenziatore lascia sottintendere al modello definito blowdown, utile per soffiare un volume finito di gas che parte da una pressione elevata e termina a bassa pressione, in un dato momento. I silenziatori di sfiato sono regolati per flussi costanti, mentre i silenziatori di scarico sono dimensionati per picchi di flussi massimi.

I silenziatori di sfiato trovano ampie applicazioni in prese di alta pressione, prese d’aria, prese di scarico di sicurezza, sistemi di scarico e spurgo ecc. Il rumore di sfiato e di scarico è una funzione della pressione e della temperatura a monte, del tipo di gas sfiato, della dimensione e del tipo di valvola, oltre all’effetto delle tubazioni a valle. Stopson Italiana progetta e produce Silenziatori a sfiato che attenuano l’elevato rumore prodotto dall’espansione di gas, vapore o aria, a temperature e pressione atmosferica elevate.

Quando è richiesta l’installazione di un Silenziatore a Sfiato (in inglese “Steam Vent Silencer”), è necessario fornire questi dati per ricevere un’offerta dettagliata:

  • Applicazione (Vent, Blow Down, Relief)
  • Composizione del fluido (vapore, gas, aria)
  • Tipo di funzionamento: intermittente o continuo
  • Peso molecolare o gravità specifica
  • Condizioni di processo a monte della valvola e delle unità (lb / hr, SCFM, ACFM)
  • Pressione di temperatura (P1)
  • Pressione atmosferica (Pa) / Temperatura (T2)
  • Pressione di scarico/contropressione
  • Misura della linea tra valvola e silenziatore
  • Attenuazione richiesta (prestazioni silenziatore)
  • Caduta di pressione consentita
  • Diametro del tubo e tipo di connessione
  • Portata di design e portata massima
  • Specifiche del materiale
  • Elevazione silenziatore

Rumore generato da prese d’aria ad alta pressione

Nel corso degli anni, molti studi sono stati portati avanti nel settore della previsione del rumore generato dallo sfiato ad alta pressione dei gas. 

 

Fattori che influenzano il rumore generato da prese d’aria ad alta pressione

  • Flusso di massa: maggiore è il flusso di massa, più rumoroso è l’impianto.
  • Il tipo di gas e il suo peso molecolare / gravità specifica. Da considerare che i gas più leggeri sono i più rumorosi.
  • Temperatura: temperature più elevate producono flussi di gas più leggeri e, quindi, livelli di rumore più elevati.
  • Pressione “a monte” contro “pressione a valle”: più alta è la pressione a monte rispetto alla pressione a valle, più forte sarà il rumore.
  • Flusso d’aria (flusso critico o flusso sonico): si verifica quando la pressione a monte è circa due volte o superiore alla pressione a valle, rendendo l’emissione molto più rumorosa.
  • Grado di apertura valvole, prese d’aria, diffusori, ecc.: diametri più grandi producono rumore a bassa frequenza, mentre i diametri più piccoli producono un rumore a frequenza più elevata. Ad esempio, i diffusori creano uno spostamento nello spettro del rumore da bassa frequenza (una grande apertura di sfiato) ad alta frequenza (molte aperture più piccole), che è molto più facile da attenuare.

 

Elementi che creano rumore nei sistemi di ventilazione ad alta pressione

Il rumore alla fine di un tubo di sfiato ad alta pressione è una combinazione del rumore generato dagli elementi di caduta ad alta pressione nel sistema. In sostanza, qualsiasi elemento che abbia una caduta di alta pressione su di esso, genererà rumore e dovrebbe essere incluso nel modello di previsione del rumore per calcolare con precisione la capacità di attenuazione necessaria.

I principali elementi che generano rumore nei sistemi di ventilazione ad alta pressione sono:

  • Riduzione della pressione e valori di controllo: presenti praticamente in tutti i sistemi di ventilazione.
  • Tubi / ugelli di sfiato: ultimo elemento nei sistemi di sfiato, ad eccezione di quelli che utilizzano diffusori di silenziatore ad alta pressione.
  • Diffusori del silenziatore ad alta pressione: se inclusi, solitamente sono progettati per fornire una contropressione specifica alla portata nominale (talvolta utilizzata come dispositivo di sicurezza).
  • Piastre dell’orifizio: incluse in molti sistemi come regolatore di flusso o dispositivi fail-safe.
  • Ingranditori (riduttori), intestazioni e transizioni improvvise – inclusi nei sistemi di tubazioni per vari motivi.

Ci sono due fenomeni che producono rumore in un sistema di sfiato ad alta pressione:

  • Shock noise: si verifica quando esiste una condizione di flusso soffocato
  • Miscelazione turbolenta: causata dallo strappo dell’aria mentre il gas di sfiato decelera a velocità inferiore. Il rumore d’urto è il più forte dei due. Regolando gli elementi in un sistema di tubazioni è possibile ridurre il rumore dell’ammortizzatore riducendo la grandezza o la quantità delle condizioni di flusso strozzate presenti.

La rivista Sound Vibration Control ha rilasciato un rapporto completo con tutte le specifiche necessarie (elencate in una scheda tecnica) per procedere con la giusta configurazione di un silenziatore industriale.

 

Silenziatori industriali: un aumento della domanda dovuto a una regolamentazione più restrittiva per le industrie

Le parti integranti dei moderni processi industriali e sistemi di ventilazione, ventilatori industriali, compressori sono le principali cause di emissione di rumore. Se non gestiti correttamente, questi fattori possono portare a problemi di salute e sicurezza, nonché a violazioni delle normative ambientali. Con l’inasprimento delle leggi sulle emissioni di rumore, le strutture industriali sono tenute a rispettare le normative pedissequamente. I silenziatori industriali sono i prodotti tipici utilizzati per attenuare il rumore proveniente dai sistemi di aspirazione e scarico degli impianti industriali. Questi silenziatori possono essere costruiti in uno spazio limitato. All’interno di un sito industriale, l’installazione delle ventole è una delle fonti predominanti.

I silenziatori industriali sono progettati per controllare il rumore in applicazioni specifiche e possono alleviare i problemi nelle strutture di lavoro. Con oltre 50 anni di esperienza negli impianti insonorizzati di Stopson Italiana in una vasta gamma di installazioni, come:

  • Silenziatori per impianti di ventilazione
  • Silenziatori per condotti
  • Silenziatori in linea
  • Barriere di contenimento
  • Persiane Acustiche

 

Silenziatori di scarico per motori a turbina a gas

I silenziatori sono necessari per quasi tutte le installazioni che includono in particolare turbine a gas e generatori di vapore a recupero di calore. I nostri silenziatori di scarico a turbina a gas sono progettati appositamente per funzionare in un ambiente in cui sono simultaneamente esposti a temperature elevate e a flussi turbolenti ad alta velocità.

Stopson Italiana fornisce silenziatori di scarico personalizzati per silenziatori a gas, gruppi elettrogeni e turbocompressori. Costruiti in conformità con gli standard internazionali di qualità, i silenziatori Stopson Italiana rappresentano la soluzione ideale per mantenere il rumore ad un livello gestibile, non interferendo nel contempo con l’efficienza operativa del sistema di aspirazione della turbina.

Gli ingegneri di Stopson Italiana progettano soluzioni ad alto livello insonorizzante per impianti e processi industriali dal 1965.  Ogni prodotto fabbricato è testato per soddisfare tutti gli standard industriali applicabili in termini di qualità, longevità e sicurezza.

Stopson Italiana certificata ISO 9001:2015 in conformità con le nuove regole di Quality Management

Stopson Italiana ha appena ottenuto la nuova certificazione ISO 9001:2015.

La certificazione mette in luce la sensibilità del management di Stopson di perseguire nella politica di estrema ricerca della qualità, mantenendo costantemente aggiornati tutte le sue unità operative e assicurando ai clienti prestazioni sempre costanti, prodotti e servizi ad alto contenuto di ingegnerizzazione, ed un miglioramento continuo delle performance.
Crediamo fermamente nel lavoro di squadra – ha affermato il CEO di Stopson Italiana -, proprio per questo nell’adottare questa nuova certificazione possiamo fare in modo che le parti interessate come clienti, personale, fornitori, azionisti si sentano maggiormente coinvolte in obiettivi comuni”.
Definita dall’Organizzazione Internazionale per la Standardizzazione e fornita in Italia da ICIM SpA (Istituto di Certificazione Italiano per la Meccanica), ISO 9001 è uno standard che specifica i requisiti per un sistema di gestione in piena qualità. Seguendo le linee guida della normativa, le aziende mirano ad operare in un regime più efficiente, migliorando la soddisfazione del cliente e condividendo la cultura della qualità per il settore della meccanica industriale.

La nuova versione dello standard, ISO 9001: 2015, è appena stata lanciata, sostituendo la versione precedente (ISO 9001: 2008). Specifica i requisiti per un sistema di gestione della qualità quando un’organizzazione:

  • deve dimostrare la sua capacità di fornire costantemente prodotti e servizi che soddisfano i requisiti legali e normativi;
  • mira a migliorare la soddisfazione del cliente attraverso l’efficace applicazione del sistema.

La principale differenza con la certificazione precedente

Il cambiamento maggiormente rilevante è insito nella nuova struttura. La ISO 9001: 2015 segue la stessa linea generale degli altri standard del sistema di gestione ISO (noto anche come struttura di alto livello). Un’altra peculiarità è l’introduzione del pensiero basato sulla valutazione del rischio (risk-based thinking), dal momento che questa nuova versione gli conferisce maggiore risalto.

L’analisi contestuale come fulcro della nuova norma

Un altro importante elemento di novità riguardante la definizione di qualità riguarda l’identificazione del contesto in cui l’azienda opera. Il contesto dell’organizzazione viene analizzato considerando sia le questioni interne che quelle esterne che possono influire sugli obiettivi strategici e sulla pianificazione del QMS.
In effetti, la clausola 4 della ISO 9001:2015, menziona come l’organizzazione deve valutare se stessa e i vari elementi che influenzano il suo contesto. Tra questi la cultura, gli obiettivi, la complessità dei prodotti, il flusso di processi e delle informazioni, le dimensioni dell’organizzazione, i clienti, i mercati, ecc.
Il contesto interno riguarda il suo approccio alla governance, i suoi rapporti contrattuali con i clienti e le varie parti interessate.
Per determinare il contesto esterno è necessaria un’analisi più approfondita sull’ambiente sociale, tecnologico, etico, politico, legale ed economico.

Esempi di contesto esterno possono includere:

  • Regolamentazioni governative e cambiamenti nella legge
  • Turni economici nel mercato dell’organizzazione
  • Livello di concorrenza
  • Eventi che possono influire sulla reputazione aziendale
  • Cambiamenti nella tecnologia

I benefici in pillole:

La nuova versione ISO 9001: 2015 offre all’utente numerosi vantaggi. Tra gli altri:

  • Un’enfasi più rilevante sul coinvolgimento della leadership
  • Supporto in termini di gestione dei rischi e delle opportunità organizzative all’interno delle aziende
  • Struttura e linguaggio trasversali e multidisciplinari, utili per analizzare molteplici sistemi di gestione (business continuity, ambiente, salute e sicurezza, responsabilità sociale)
  • Una visione più approfondita dell’efficienza della supply chain
  • Un approccio più user-friendly nella progettazione del servizio

Scopri tutte le certificazioni di Stopson Italiana qui.

 

Stopson Italiana augura buon Natale e felice anno nuovo

Un altro importante anno è trascorso riconfermando un trend di crescita positivo per Stopson Italiana.

La leggera ripresa sia del prezzo del petrolio che della domanda generale fanno ben sperare in un futuro sempre più prosperoso.

Il 2017 è stato un anno di grandi investimenti per Stopson Italiana, dove sono state poste solide basi per la crescita futura degli anni a venire. L’acquisizione di nuovi tools di calcolo aumenteranno difatti le capacità interne di far fronte a progetti sempre più complessi; l’implementazione del sistema di gestione per la documentazione tecnica faciliterà un’ancor più pronta reattività nell’affrontare i clienti più esigenti e le specifiche di progetto. Non ultimo, il lancio del sistema ERP SAP B1 – previsto per gennaio 2018 – completerà il ventaglio delle risorse di Stopson Italiana, automatizzando alcuni processi aziendali ed ottimizzando il flusso di lavoro, nell’ottica di affrontare le prossime sfide in arrivo.

Stopson Italiana è grata per il continuo supporto e la fiducia dimostrata dai suoi clienti e partner. Un sincero augurio per un Buon Natale ed un prosperoso 2018!